Home » Proverbi e Detti Romagnoli

Proverbi e Detti Romagnoli

Per ridere insieme una raccolta dei migliori detti e proverbi di Romagna
Commenta e mandaci il tuo: verrà pubblicato!!!

La pida sé parsot la pis un Po m’ a tot.
La piadina col prosciutto piace un pò a tutti.

Setémbar e utòbar cun dal bél giurnèdi, temp ad fè dal scampagnèdi.
Settembre e ottobre con belle giornate, tempo per fare scampagnate.

L’aqua la fa mêl, e’ ven e’ fa cantê.
L’acqua fa male, il vino fa cantare.

L’ha più corni quel chi lè, ca ne un baratal d lumeghie.
Ha più corna quello di un barattolo di lumache.

I sold l’è come i dulur, ch j à i si tén.
I soldi sono come i dolori, chi li ha se li tiene.

La neva marzulena la fa la sera e va via la matena.
La neve marzolina viene alla sera e va via alla mattina.

L’è mei un mort ad chesa che un marchigien sla porta.
È meglio avere un morto in casa che un marchigiano sulla porta.

I bajoc i’ fa andè l’acqua d’in sô.
I soldi fanno persino andare l’acqua verso l’alto

T’vò che un nespul e faza i figh?
(Quando si ha una scarsa considerazione verso una persona)

E sol e suga l’aqua la bagna, Dio i fa e po j acumpagna.
Dio li fa poi li accompagna.

L’ov binidet,l’è bon enca dop la Pasqua
L’uovo benedetto è buono anche dopo Pasqua

Quest e dura da Nadel a Sent Stefan
(si usa quando si vuole dire che una cosa ha poco valore)

Oz un si bat ciod.
Oggi non si incassa nulla.

T’vu insegn un gat a rapè so ?!
(si usa quando si vuole fare capire una cosa che si da per scontato di saper fare)

T’am per e fiol de pori sugamen.
Detto a chi è malmesso.

Ch’is loda us imbroda.
Chi si loda s’imbroda.

T’è una testa come al do ad coppi
Non vali niente

Ci fort coma l’asedar
Sei forte come l’aceto

Ci e mej dla cuveda di baghen malè
Sei il meglio del peggio

Us fa prema a metjal in te cul che in tla testa!
(Detto a chi è duro di comprendonio)

T’è una testa com una mazola
Hai la testa grossa

La pasquela, un pas ad videla
Per l’epifania siamo un pò fuori dall’inverno

Sent Antoni un’ora bona
Il 17 gennaio abbiamo un’ora in piu’ di luce

S’ un sbaglies neca i sapiènt, un ‘i sarèb piò post par ij ignurènt.
Se non sbagliassero anche i sapienti non ci sarebbe più posto per gli ignoranti.

Un basta avèr rasòn, bsogna ch’i t’la dèga.
Non basta avere ragione: bisogna che te la riconoscano.

Al don in prinzìpi a gli è tot mel, e dop a gli è tot fel.
Le donne all’inizio sono tutto miele e dopo sono tutto fiele.

L’a piò côran lò che un zezt d’lumêgh.
Ha più corna lui di un cesto di lumache.

S’am met a f ê e’ caplêr la zenta la ness senza la testa.
Se mi metto a fare il cappellaio la gente nasce senza testa.

La brasùla ‘d chietar la pê sèmpar piò grânda.
La braciola degli altri sembra sempre più grande.

U j è chi ch’ mâgna par campê e chi ch’mâgna par s-ciupê.
C’è chi mangia per vivere e chi mangia per scoppiare.

A pânza pina u’ s rasòna mej.
A pancia piena si ragiona meglio.

Tri cvel ji è bel da znèn: e’ sumàr, e’ pôrc e e’ cuntadèn.
Tre cose sono belle quando sono piccine: l’asino, il maiale e il contadino.

Bon temp, salut e quatrèn i n’ stofa mai.
Buon tempo, salute e quattrini, non stancano mai.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
= 4 + 6